Carboni ardenti

Songwriter Luca Carboni in Milan, @Amazon Building, for a private showcase.

20140320-162919.jpg

Annunci

Comai

He’s the man who has in charge my super SUPER cool haircut. And also my husband’s, my daughter’s, my brother’s and of a bunch of dear friends.
Mine, anyway, is the coolest (and most f***able!).
The artist formally known as Alessandro Comai.

20131005-223030.jpg

Alessandro Comai , hair stylist @Orea Malià, in Le Coque Sportif, Milan, September 27th 2013

D.A.T.E on a night train

Non sono solo le donne quelle fissate con le scarpe. Per esempio, sul treno notturno da Milano a Parigi, ho incontrato Luca M., che non ha voluto dirmi il suo cognome completo, ma che mi ha confessato di avere un guardaroba pieno di sneakers. Non riesce a smettere di comprarle.

Not only women are obsessed by shoes. In the night train from Milan to Paris I met Luca M., who did not tell his complete last name, but confessed his closet is fulfilled of sneakers. He can’t stop buying them.

20110627-071816.jpg

Ice Cream

Marghera versus Monte Rosa.
Scegliete la foto migliore o il migliore gelato.

Marghera versus Monte Rosa.
Choose the best picture or the best ice cream.

Me, ballerine rosse; Susanna Pace, ballerine arancio; Pietro Paolucci, sneakers bianche. Di fronte alla gelateria Marghera, Milano. Ph by Mario De Carli. Me, red ballerinas, Susanna Pace, orange ballerinas, Pietro Paolucci, white sneakers. In front of Gelateria Marghera, Milano. Ph by Mario De Carli

Ragazze, gelateria Monte Rosa, Milano, ph by Mario De Carli; Girls, gelateria Monte Rosa, Milan, ph by Mario De Carli

Ebony and Ivory

Laura e Dafne, le adoro.

Laura and Dafne, I love them.

Laura Marino, la nera, art department, Vogue Italia; e Dafne Boggeri, la bianca, megArtista e art department, GQ. Laura Marino, the black one, art department, Italian Vogue; Dafne Boggeri, the white one, UberArtist and art department, Italian GQ.

L’Uomo Vogue

Giornata di appuntamenti in Condé Nast.
Prima tappa, l’Uomo Vogue.

Meeting day at Condé Nast.
First stop, l’Uomo Vogue.

Laura Lazzaroni, deputy managing editor. Cool fringes 😀

Fabia Di Drusco, beauty editor, in her brand new Ferragamo

Roberta Rotta, news and features editor, so bon ton

Antonella Airaghi, segreteria di redazione

Costanzo Colombo Reiser, graphic department, bro' wears custom Dunk Nike

Destra e sinistra

A Milano domenica 29 e lunedì 30 maggio si va al ballottaggio per l’elezione del nuovo sindaco. La scelta è tra Letizia Moratti, destra, e Giuliano Pisapia, sinistra.
Milano è piena di gazebo elettorali.
Azzurro, per Moratti. Arancione, per Pisapia.
Faccio un giro nei gazebo, dal punto di vista delle scarpe. Ho voglia di cliché.

Da Pisapia sono tutte donne. La prima che incontro è una signora con le Maiorchine, sotto pantaloni a righe di lino e cotone. “Ma secondo lei vanno ancora di moda?”, mi chiede elegantemente preoccupata.
Un’altra con dei mocassini estivi scamosciati precisa: “Io però di solito non metto mai questi”. A prima vista sembrano Car Shoe, ma non riesco a controllare se originali o copie, e la signora va via di corsa a spiegare il programma a qualcuno entrato nel gazebo. “Le mie sono anche molto comode, lo scriva”; dice la terza signora, riferendosi alle sue Camper che sbucano da una larga gonna indiana di shantung. Arancione, anche quella.
Me l’aveva detto un amico, che un paio di Camper le avrei trovate di sicuro.
Nessuna mi chiede cosa me ne faccio, delle loro scarpe. Alla prima, quella delle Maiorchine, allora lo dico io, mi sembra una persona tanto gentile. “Lì da loro tutti tacchi a spillo?” chiede. Ma non lo so, “da loro” non ci sono ancora passata.

“Da loro”, cioè dalla Moratti, prevalgono gli uomini.
“Io non ce le ho neanche le scarpe”. dice l’unica signora, con le infradito di gomma e la tuta stretch.
“Io non ho le calze”, sottolinea un signore compito, dalle cui scarpe lucide marroni e con la fibbia sbuca di un paio di millimetri il fantasmino bianco.
Il ragazzo straniero, direi africano, ha le sneakers d’argento consumate; non apre bocca, ma si lascia fotografare. Mi chiedo cosa ci faccia, lì, ma non riesco a chiederlo a lui.
Un altro uomo appunta l’indirizzo del blog, mentre quello del fantasmino mi chiede a che mi servono le foto. Rivelo l’intento, e quello mi incoraggia: “Brava, fa bene, racconti come stanno le cose. A noi ci dicono che siamo ricchi, ma qui noi le scarpe ce le abbiamo rotte”.
Quasi mi dispiace che non ci sia neanche un tacco a spillo.

“La ciabatta maiorchina è di sinistra, l’infradito in gomma è di destra”, avrebbe detto il Signor G.

Maiorchina, gazebo Pisapia, piazza Gramsci, Milano.

Infradito, gazebo Moratti, piazza Piemonte, Milano.

Camper, gazebo Pisapia, piazza Piemonte, Milano.

Fibbia e fantasmino, gazebo Moratti, piazza Piemonte, Milano.

Mocassino, gazebo Pisapia, piazza Gramsci, Milano.

Sneaker, gazebo Moratti, piazza Piemonte, Milano.

In Rome

Uno è il mio amore, l’altro mio fratello. Sono andati a fare shopping insieme e sono tornati con dei maglioni sportivi e un nuovo router.

One is my love, one is my bro. They went shopping together and got some sporty sweathers and a new router.

Da sinistra, from left: Mario De Carli in Adidas sneakers, Pierfrancesco Sanò in brown Clark